benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

Olimpia @ 80: la “storia” maledetta del numero 4

26/12/2015
TUTTE LE NEWS »

Mancano 72 giorni al “Celebration Day” del 6 marzo.

Poco tempo fa, un tifoso dell’Olimpia sullo “store” online del club aveva tentato di personalizzarsi una maglia numero 4: il sistema non gli aveva permesso di farlo e così mandò una lettera di protesta alla sede sociale di Piazzale Lotto. Ma neppure lo “store” permette di violare una delle regole non scritte dell’Olimpia, una delle grandi storie che ne caratterizzano il percorso. Il numero 4 all’Olimpia è bandito…

Il 4 aprile 1944, 4/4/44, ad Adolfo Bogoncelli, l’inventore della società come la conosciamo oggi, scoprì di essere affetto da poliomielite. Da quel giorno, il cosiddetto “Bogos” cancellò il numero 4 e di conseguenza il 44, che pure fino a poche stagioni fa sarebbe stato comunque inutilizzabile per regolamento, dalle uniformi dell’Olimpia. Bogoncelli non voleva vedere il 4 e la sua società rispettò la consegna. Oggi nessun giocatore dell’Olimpia indossa il 4 e neppure il 44 viene permesso. Con l’8 e il 18 ritirati sono quattro di fatto le maglie “off limits”. In realtà in passato è capitato che ci si sia dimenticati di rispettare il “testamento” di Bogoncelli, Ad esempio nel 1992 quando l’allora Philips firmò dal Partizan Belgrado il grande Sasha Djordjevic questi chiese e ottenne – ignaro – di indossare il suo numero preferito appunto il 4 (in seguito tornano a Milano a fine carriera avrebbe giocato con il 19). Ma in generale la regola è stata sempre rispettata.

HISTORY LESSON di COACH DAN PETERSON

     Nel 1939-40 il Borletti Milano sempre con il Coach dei quattro scudetti Giannino Valli fece 7-11 in campionato e chiuse al 7° posto.  Non c’erano neanche impegni con la Nazionale, quindi, nessun giocatore dell’Olimpia in maglia Azzurra in una gara ufficiale.  La squadra era quasi tutto cambiata, con solo Sergio Paganella e coach Valli rimasti dai quattro scudetti.   Quindi, di fatto si chiuse il primo grande ciclio nella storia dell’Olimpia, un record che sarebbe stato difficile da superare.