Successiva
Precedente
mercoledì 17 ottobre 2012
Stipcevic: “Il mio ritorno in Croazia”

Rok Stipcevic è l’unico giocatore croato dell’EA7 Emporio Armani Milano. Per lui la partita di Zagabria di venerdì è una specie di ritorno a casa ma è anche la sua prima volta da avversario contro una formazione del suo paese. “Il Cedevita ha perso male la prima partita, a Kaunas, ma non è quella squadra, è molto più forte, sta giocando meglio e può giocare meglio. Ha giocatori di esperienza, il palasport sarà pieno e farà di tutto per vincere una partita di cui ha bisogno. Ma anche a noi serve la vittoria”, dice Rok.

SUL RITORNO IN CROAZIA - “Si tratta della mia prima partita in Croazia con una squadra straniera. E’ bello giocare a casa, rivedrò tanti amici, ma sono un professionista, gioco per Milano e farò quanto possibile per aiutare Milano a vincere la partita. Conosco tanti giocatori del Cedevita, alcuni sono miei compagni di squadra in Nazionale ma sul campo non si guarda in faccia nessuno. Voglio vincere, loro faranno altrettanto”.

SUL CEDEVITA - “Sono un club emergente. Quando si parla di basket a Zagabria, la squadra di riferimento, storica, è sempre stato il Cibona, ma loro da un decennio, sotto la proprietà attuale, stanno crescendo. Passo dopo passo sono arrivati in alto, fino in Eurolega”.

SU MALJKOVIC - “E’ una leggenda, ma io non ho mai giocato contro una sua squadra. So che è stato il grande coach della grande suqadra di Spalato, ma avevo 3-4 anni, per me è sempre stata una bella storia da ascoltare, di cui leggere, ma una leggenda affascinante e fatalmente nulla di più. Sarà un onore”.

SULLA CROAZIA - “La nostra Nazionale ha fatto 8-0 nelle qualificazioni, è stato un grande passo in avanti, abbiamo gettato le basi per un Europeo importante in Slovenia. La Croazia se lo merita perché il paese è attratto dal basket e perché abbiamo giocatori forti, giovani alcuni, esperti altri, il mix è quello giusto per fare cose importanti”.