Prima squadra Euroleague Campionato
1° Giornata - Regular season - domenica 2 ottobre 2016
vs
Pasta Reggia Caserta Vs. EA7 Armani Milano 77-81

Una battaglia, come era prevista contro una Caserta indomabile, devastante nell’approccio, poi coriacea. L’Olimpia regge il primo pugno, resta in piedi, risponde, vola via nel secondo quarto con un CJ Wallace ispirato anche al tiro, poi soffre nel terzo, cavalca un periodo mostruoso di Keith Langford che da meno sette la prende per i capelli e la porta a più sei. Vola via nel quarto, anche a +12, con un Haynes lama affilatissima in contropiede. Ma Caserta regge, rimonta, segna, si riporta addirittura a meno due. Poi Langford sull’ultimo possesso chiude la battaglia. 81-77.

IL PRIMO TEMPO - Caserta parte aggressiva, veloce, atletica e ispirata anche al tiro. Le prime due triple, di Roberts e Hannah, scavano il break che vale anche 10 punti di vantaggio sul 18-8 mentre l’Olimpia soffre a contenere la velocità di Caserta e in attacco perde qualche pallone nel traffico, oltre a due sfondamenti sanzionati in contropiede a Langford e Jerrells. Per il playmaker è il secondo fallo nel primo periodo in cui era stato il migliore di Milano. Carleton Scott entra e segna anche lui da tre per il +11 bianconero che poi l’EA7 riduce a otto punti con un canestro ravvicinato di Samuels e uno di Gentile. Il parziale diventa di 10-0 a cavallo dei due periodi dopo cinque punti consecutivi di Melli (contropiede più gioco da tre punti su una schiacciata lungolinea) e un gancio sinistro di Wallace e nonostante i due falli che gravano anche sul secondo playmaker, Haynes. Wallace segna da tre due volte, Moss dalla media, Langford due volte da due e l’Olimpia salta con un solo balzo a +7 sul 33-26. In questa fase però c’è un tecnico per Melli (palla trattenuta dopo canestro segnato) e sul 33-26 un’infrazione di passi di Brooks viene corretta in due tiri liberi. Caserta ne approfitta, fa un 6-0 e da meno sette ritorna a meno uno, obbligando coach Banchi a rimandare in campo Jerrells. Samuels converte un rimbalzo offensivo in una schiacciata, poi però sbaglia due tiri liberi e Caserta resta agganciata. 35-32 Olimpia alla fine del primo tempo.

IL SECONDO TEMPO - L’avvio somiglia a quello del primo tempo. Caserta attacca e segna, perfeziona un parziale di 10-2 e va avanti, addirittura a +7, prima che Langford vada al lavoro e con le penetrazioni, qualche libero riporta l’Olimpia pari, poi supera e poi diventa un quarto tutto punto a punto, con vantaggi ridotti per ambedue le squadre. Langford segna 17 punti nel periodo e firma il parziale che riporta l’Olimpia avanti 53-51 e poi vola sul 60-54 segnando anche da tre sulla sirena del terzo periodo. L’Olimpia prende nove punti di vantaggio sulla tripla di Wallace che inaugura il quarto periodo. Ma Cerella rimedia un tecnico per palla trattenuta, Caserta lo trasforma in un possesso da cinque punti e poi Michelori segna il meno due prendendo il terzo fallo di CJ. Dall’errore dalla lunetta di Michelori schizza in contropiede per un gioco da tre punti Haynes. Poco dopo quando coach Banchi ha in campo i due playmaker, Haynes segna ancora una tripla frontale e su un alley-oop di Jerrells per Samuels riapre 10 punti di vantaggio per l’Olimpia, a 5’46″ dalla fine. Moore completa un gioco da tre punti che forza il quarto fallo di Wallace e riporta Caserta a meno sette. Moss dall’arco e poi Haynes schiacciando ancora in contropiede firmano il +12, sul 76-64. Samuels allo scadere dei 24″ segna un jump lunghissimo del +9, Mordente segna da tre e riapre ancora la gara perché Caserta di sicuro non molla. Mordente segna da tre, risale a meno due, poi Langford finisce dalla lunetta.

Guarda le foto
Note sulla partita

Ventiduesima gara in quintetto consecutiva per Alessandro Gentile in campionato... L'Olimpia aveva 11 uomini a referto. Il quinto italiano era Andrea Merlati, centro della squadra Under 19, classe 1995... Keith Langford ha segnato 17 punti nel solo terzo quarto. Per lui è stata la diciassettesima gara "over 20" in Italia, la decima in maglia Olimpia, la seconda in questa stagione... Sono record personale a Milano per Langford i 12 tiri liberi a segno (su 14). Ma non lo sono in assoluto (ne fece 15 a Bologna)... Prima in doppia cifra per CJ Wallace da quando è a Milano.

  • aoc
  • aon
  • bmw
  • fossil
  • luxottica
  • SAP
  • umana