benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com
STAGIONE 2016/17 /, ORE
-
GUARDA TUTTE LE FOTO

Una battaglia fatta di colpi di scena, rovesciamenti di fronte, tanti falli, tanti liberi, anche tante palle perse ed errori ma di grande impatto emotivo. L’Olimpia la porta a casa dopo un tempo supplementare. Il protagonista alla fine è JR Bremer che segna otto punti nell’overtime ma soprattutto il canestro della vittoria a un secondo e qualche centesimo dalla sirena. Siena non si arrende, gioca aggressiva e sfiora la vittoria. Ma è l’EA7 a prevalere e portarsi sul 2-0 nella serie. Decisivi anche tre tiri liberi segnati con freddezza glaciale da Malik Hairston a quattro secondi e mezzo dalla fine sul meno tre.

PRIMO TEMPO – Siena cambia completamente il quintetto d’avvio inserendo rispetto a gara 1 Daniel Hackett come playmaker e Benjamin Ortner da centro, mentre sono fuori Bobby Brown e Benjamin Eze. Parte meglio di tutti Gentile (8 nel primo quarto), ma le palle perse impediscono all’Olimpia di prendere ritmo. Siena va avanti di quattro, sul 12-8, ma a quel punto arrivano rinforzi dalla panchina, Mensah-Bonsu mette quattro liberi di fila, esegue una stoppata, un’altra la firma Fotsis, la difesa si chiude e Bremer aggiunge anche lui quattro punti. L’Olimpia sorpassa e vola avanti. 18-13 alla fine del primo periodo. Gentile riprende il suo show, fa anche un 3/3 dalla lunetta su fallo di Sanikidze, l’Olimpia va avanti di sei, 24-18 ma Ress trova un gioco da quattro punti e ricuce a meno due. Prova ad allungare Hairston con una tripla dall’angolo ma dopo il secondo tentativo, sbagliato, segnando ress ed Hackett. A 2:38 dalla fine del primo tempo, Siena sorpassa sul 31-29. La reazione la firma Marques Green che segna da tre, Radosevic aggiunge due liberi e un lay-up, l’Olimpia rimette la testa avanti ma sull’asse Hackett-Ress (21 punti in coppia), è Siena a chiudere il primo tempo in testa, sul 39-38.

SECONDO TEMPO – Il pareggio lo firma Ioannis Bourousis a quota 43 con una tripla frontale, poi Hairston completa un gioco da tre punti con schiacciata incorporata per il sorpasso. La terza tripla di Ress riporta avanti Siena sul 49-48 ma supera Hairston con un tap-in seguito da un alley-oop di Green corretto a canestro da Mensah-Bonsu per il 4-0. Dopo la tripla del 55-51, Green commette il quarto fallo su Brown. Mensah-Bonsu dà una spinta di energia schiacciando su Eze e mettendo un libero ma alla fine del terzo la partita è ancora una battaglia, 58-56 Olimpia. Nel quarto periodo, complici i problemi di falli che stravolgono gli assetti nel settore degli esterni, l’Olimpia si arena in attacco, non segna per cinque minuti e va sotto di sei, sul 64-58 prima che schiacci Mensah-Bonsu. Green mette due liberi e ritorniamo a meno due. Ma Hackett segna un jump e una penetrazione riportando Siena sul 68-62 con 1:41 sul cronometro. 5-0 Olimpia con Bremer dalla linea e Green da tre. Hackett segna ancora. Su Hairston c’è fallo sul tiro da tre. Malik fa 3/3 e impatta a 70. Siena ha una rimessa in zona d’attacco, libera Kangur per il tiro da tre allo scadere ma sbaglia. Supplementare.

SUPPLEMENTARE – Roba da cuori forti. L’Olimpia va avanti di cinque sul 75-70 dopo la prima tripla di Bremer dall’angolo sinistro, ma Siena risponde due volte con Ress, Hairston fa 1/2 dalla linea. Si arriva pari a quota 76.. Bremer segna dallo stesso angolo il 79-76 ma dall’altra parte Brown segna un incredibile canestro da tre in controtempo e impatta. Restano otto secondi, Bremer percorre tutto il campo e dall’angolo destro segna con l’aiuto del ferro. Esulta assieme a Gentile ma manca un secondo e mezzo e Siena chiede time-out. Fortunatamente senza esito. Bremer segna otto punti nell’overtime.