benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

Mike D’Antoni story: le origini

04/03/2015
TUTTE LE NEWS »

In principio fu Andrea Di Antonio. La sua storia è simile a quella di tanti altri italiani che all’inizio del ‘900 decisero di lasciare la patria per cercare più che fortuna un lavoro e uno stipendio dall’altra parte dell’oceano Atlantico. Andrea Di Antonio vide quello che hanno visto tutti. La sua nave entrò nella baia con Manhattan sullo sfondo, rimase a bocca aperta quando scorse la Statua della Libertà e infine venne depositato a Ellis Island, il primo impatto con gli Stati Uniti per chiunque venisse dall’Europa. Gli emigranti venivano stipati in una palazzina fredda, che fa venire i brividi a vederla adesso che è trasformata in un museo. A uno a uno venivano interrogati. Andrea Di Antonio, come quasi tutti, non parlava una parola di inglese ma il cognome glielo storpiarono tutto sommato in modo indolore, come successe a tanti. Lui veniva da Nocera Umbra. Sulla giacca aveva scritto il nome del luogo in cui era destinato. Nel suo caso McComas, West Virginia, terra di minatori, famosa soprattutto per la canzone country di John Denver “Country Roads” e perché in quello stato nacque e diventò grande Jerry West, l’olimpionico di Roma ’60 che poi sarebbe stato immortalato per sempre, con la sua inconfondibile silhouette nel logo della NBA. Nel 1956 la East Banks High School guidata da Jerry West andò a vincere il titolo dello stato battendo in semifinale la Mullens High School. Il coach di Mullens era Luigi Giuseppe D’Antoni. Ma tutti lo chiamavano Lewis, il terzo figlio di Andrea.

I genitori di Lewis erano scarsamente interessati allo sport, impegnati comprensibilmente a sopravvivere più che a coltivare il proprio fisico o eventuali passioni. E poi in America andavano sport distanti dalla cultura italiana. Baseball, football, basket… Lewis però nacque a McComas nel 1914 e la sua americanizzazione fu rapida e totale. Quando era un bambino, la famiglia si trasferì a Mullens, altra cittadina nel cuore degli altipiani del West Virginia, costa orientale ma in sostanza il nulla se paragonato all’America che immaginiamo. Mullens è roba da 3.000 abitanti. Ma il West Virginia ti entra nel sangue se ci sei nato, con tutti i suoi limiti. Lewis D’Antoni ancora oggi risiede a Mullens. Ma allora era uno sportivo a 360 gradi. Eccelleva nel football, eccelleva nel tennis e fu per quattro anni il capocannoniere di Mullens High nel basket. Il suo allenatore si chiama Woody Woodell. Quando D’Antoni si diplomò, Woodell gli propose di seguirlo a Concord High School dove si sarebbe laureato nel 1937 e dove nel 2014 gli avrebbero consegnato una seconda laurea “ad honorem”, a 100 anni di età. Fu primo quintetto di conference nel 1936 e nel 1937 e un anno anche “prima squadra” di conference nel football. Finita l’università, passò direttamente in panchina alla Pineville High School: vi restò fino al 1942 quando tornò a casa, a Mullens, dove vi allenò 17 anni pur con l’interruzione dovuta alla disputa della seconda guerra mondiale. Lewis D’Antoni credeva nel contropiede, nel gioco veloce. “Il concetto – ha dichiarato anni fa al New York Daily News – era quello di arrivare nel quarto di campo avversario prima che lo facesse la difesa”. Nel 1955 vinse il titolo dello stato e fu nominato coach dell’anno. La stagione seguente la sua squadra si fermò in semifinale, perdendo appunto contro East Banks. Jerry West segnò 42 punti. “Per anni ho rimpianto di non essere riuscito a fermarlo. Poi è andato nella NBA e ho visto che neppure lì ce la facevano”, ha scherzato. Lewis D’Antoni lasciò Mullens per andare ad allenare la Chesapeake High School in Ohio. Erano gli anni in cui Mike andò a giocare a Marshall University e dal confine con l’Ohio, Lewis poteva muoversi in fretta e vedere le partite casalinghe del figlio.

Prima di Mike, ci fu anche Danny. Dan D’Antoni è il più grande dei quattro figli di Lewis D’Antoni: il più giovane si chiama Mark, l’unica figlia è Kathy, poi ci sono i “cestisti”, Dan appunto e Mike. Dan D’Antoni è stato per anni il metro di paragone per Mike: il modello da seguire, imitare, il rivale contro cui combattere. Una volta si racconta che mamma Kathy dovette intervenire in modo duro per evitare che un uno contro uno si trasformasse in un’esperienza drammatica. Mike aveva perso e aveva cominciato a dare i numeri, sbattere la testa contro il muro. “Mai battuto Dan in vita mia”, dice Mike. Dan era quattro anni più grande e diventò una stella alla Marshall University di cui oggi è il capo allenatore. Nel 1968/69 segnò 17.5 punti di media e fu il top scorer dei Thundering Herds. Nel 1970 diventò il vice allenatore di Marshall trovandosi in squadra il fratello Mike ma se ne andò dopo un anno a causa di una tragedia che colpì la scuola: un incidente aereo che coinvolse la squadra di football e uccise 75 persone. Fu un dolore troppo forte per lui, Dan conosceva molte di quelle persone e decise di andarsene. Ma solo nel 1975, dopo aver fallito un provino con i Baltimore Bullets, decise di rinunciare a giocare e dedicarsi full-time alla panchina. Per trent’anni Dan D’Antoni è stato il leggendario coach della Socastee High School di Myrtle Beach, South Carolina, vincendo oltre 500 partite in carriera. Smise di allenare a livello liceale solo perché Mike gli chiese di seguirlo come assistente ai Phoenix Suns. Oggi Dan allena da capo la Marshall University. (1-continua)

Nella foto una curiosa immagine del Mike milanese, con tanto di barba.

IL CAPOSTIPITE
COACH DANNY