benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

L’ultima “maratona” di EuroLeague comincia a Kaunas

19/03/2018
TUTTE LE NEWS »

L’Olimpia affronta l’ultima settimana con doppio turno della sua stagione di EuroLeague. Quella di Kaunas (si gioca martedì 20 alle 19.00 italiane) è la penultima trasferta della stagione europea, prima di quella della settimana successiva di Bamberg. Nel girone di ritorno l’Olimpia è 5-6. Lo Zalgiris è in lotta per la miglior posizione possibile in vista dei playoffs e cerca il successo che certificherebbe la sua qualificazione alla post-season. L’Olimpia ha vinto l’ultima gara giocata a Kaunas, lo scorso anno, ma ha perso con lo Zalgiris la partita di andata. Dopo la vittoria su Trento di Desio, l’Olimpia si è allenata domenica pomeriggio e lunedì mattina al Mediolanum Forum. Con la squadra parte anche Jordan Theodore, assente nelle ultime tre partite di EuroLeague.

Scarica tutte le note, curiosità, statistiche della partita qui: Zalgiris-Milano Game Notes

I PRECEDENTI DI OLIMPIA-ZALGIRIS

Le due squadre si sono incontrate 12 volte con un bilancio di 7-5 per lo Zalgiris. Nella stagione 1985/86, lo Zalgiris di Arvydas Sabonis vinse 80-79 contro l’Olimpia a Kaunas, ma Milano si rifece in casa vincendo 95-66. La stagione successiva, quando l’Olimpia avrebbe vinto la prima delle due Coppe dei Campioni consecutive, si impose sullo Zalgiris due volte su due, 75-71 in casa, 100-85 a Kaunas. Lo Zalgiris si impose invece nella finale di Saporta Cup del 1998 (82-67). Nella stagione passata lo Zalgiris ha vinto la partita di andata 78-70 con 16 punti di Arturas Milaknis e altrettanti di Mantas Kalnietis mentre l’Olimpia ha vinto nel ritorno 88-84 con 17 punti di Andrea Cinciarini e 13 di Awudu Abass. In questa stagione, lo Zalgiris ha vinto la partita di andata 94-62.

LA ZALGIRIS CONNECTION

Mantas Kalnietis è cresciuto nello Zalgiris e ha speso con la maglia verde un’ampia fetta della sua carriera professionistica. Kalnietis è nato il 6 settembre 1986 proprio a Kaunas. Ha cominciato a giocare nell’Accademia di Arvydas Sabonis a Kaunas e poi nelle giovanili dello Zalgiris. Ha debuttato in prima squadra nel 2003 e vi ha giocato fino al 2012 incluso vincendo quattro volte il titolo lituano, quattro volte la Coppa di Lituania, quattro volte la Lega Baltica. Nell’estate del 2015 è tornato a Kaunas prima di trasferirsi a Milano a metà stagione. Arturas Gudaitis ha cominciato a Klaipeda ma poi è stato reclutato dallo Zalgiris Kaunas con cui ha debuttato in prima squadra nel 2013. In quella prima stagione ebbe una partita-rivelazione in EuroLeague contro la Lokomotiv Kuban in cui segnò 14 punti con sei rimbalzi. Nel 2014/15 in EuroLeague ha segnato 6.5 punti di media con 4.0 rimbalzi a partita. Nel 2015 ha lasciato Kaunas e firmato per il Lietuvos Rytas Vilnius da cui è approdato a Milano. Il terzo ex è Mindaugas Kuzminskas che ha cominciato a giocare nel Sakalai Vilnius per trasferirsi nel 2010 allo Zalgiris Kaunas esordendo anche in EuroLeague con minutaggio crescente fino ai 7.1 punti per gara della stagione 2012/13. A Kaunas ha vinto due volte la lega Baltica, tre volte il titolo lituano, due volte la Coppa lituana e una volta la Supercoppa. Nel suo ultimo anno a Kaunas era allenato dallo spagnolo Joan Plaza che se lo portò dietro all’Unicaja Malaga dove ha giocato le successive tre stagioni. Nello Zalgiris da qualche settimana gioca lo sloveno Beno Udrih che era stato un anno a Milano a inizio carriera.

ZALGIRIS: LA STORIA

Fondato nel 1944 nel dopoguerra, lo Zalgiris Kaunas diventò subito una sorta di bandiera del basket lituano anche se confinato sotto l’egida sovietica. Lo Zalgiris vinse dopo tre anni il primo titolo sovietico, lo riconquistò nel 1951 e poi fu vittima dello strapotere del CSKA Mosca. Tuttavia tornò ad imporsi tre volte di seguito nel 1985, 1986 e 1987 con la generazione dei fenomeni lituani capitanata da Arvydas Sabonis, Rimas Kurtinaitis, Sergei Jovaisa, Valdemaras Homicius. Quella squadra giocò la finale di Coppa dei Campioni perdendola contro il Cibona Zagabria di Drazen Petrovic nel 1986 (e la Coppa delle Coppe del 1984 contro il Barcellona). Quel gruppo di giocatori vinse anche l’oro olimpico nel 1988 con l’URSS. Dopo l’indipendenza lituana, lo Zalgiris tornò a splendere a livello europeo nel 1998 (Saporta Cup contro l’Olimpia a Belgrado) e nel 1999 vinse l’EuroLeague a Monaco battendo in finale la Virtus Bologna. Lo Zalgiris ha vinto 23 titoli lituani dopo il 1989/90, primo campionato post sovietico, cinque leghe baltiche, sei coppe di Lituania. In tutto conta altri cinque titoli sovietici.

I TURNI “DOPPI” DI EUROLEAGUE

Quella che comincia con lo Zalgiris a Kaunas e proseguirà con Valencia a Desio è la quinta e ultima “settimana doppia” di EuroLeague. Il record dell’Olimpia in queste partite è 6-2, con 3 vittorie su 4 nella prima partita e 3 su 4 nella seconda. Questa la classifica dei “doppi turni”: Olympiacos 7-1; CSKA Mosca, Real Madrid, Panathinaikos, Olimpia 6-2; Fenerbahce, Zalgiris 5-3; Khimki, Bamberg 4-4; Maccabi, Valencia, Baskonia 3-5; Barcellona 2-6; Stella Rossa, Efes 1-7.

GOUDELOCK: 92% DALLA LUNETTA

Andrew Goudelock ha stabilito il suo nuovo primato personale stagionale segnando 26 punti a Mosca contro il Khimki. Il suo top in maglia Olimpia è di 28 ma in campionato (contro Venezia). Goudelock aveva segnato tre volte 20 punti in questa stagione. Con 46/50 pari al 92.0%, Goudelock è anche quinto nella classifica dei tiri liberi. Le sue 6 triple contro Malaga rappresentano inoltre la terza prestazione di sempre per un giocatore dell’Olimpia in EuroLeague dopo le 8 di Linas Kleiza nel 2014 (contro Prokom) e le 7 di Luca Vitali nel 2009 (contro il Panionios).

NOTE OLIMPIA IN EUROLEAGUE

103! – I 103 punti segnati dall’Olimpia a Valencia sono la seconda prestazione di squadra in EuroLeague (dal 2000 in poi) dopo i 105 punti segnati all’Efes la stagione scorsa e il top stagionale anche se ottenuto con l’ausilio di due tempi supplementari.

64! – I 64 punti subiti contro l’Efes sono la seconda prestazionale difensiva stagionale dopo i 62 concessi al Bamberg. Entrambe le volte l’Olimpia ha vinto.

TRIPLE – 17 triple di Valencia sono record societario in EuroLeague. Superate le 16 segnate contro il Maccabi nella stagione 2005/06. Otto giocatori diversi hanno segnato almeno una tripla inclusa la prima stagionale di Andrea Cinciarini e Cory Jefferson. Contro Malaga l’Olimpia ha segnato 15 triple per la sua terza prestazione di sempre in EuroLeague.

ASSIST – I 23 assist effettuati contro Malaga rappresentano il record stagionale ma anche la quinta prestazione di squadra di sempre in EuroLeague. Il record assoluto è di 29, contro il Maccabi la scorsa stagione.

GUDA – A Madrid ha stabilito il record di società per il maggior numero di canestri da due punti senza errori con 9. Il primato di canestri da due è di Samardo Samuels con 14 ma due errori. Pape Sow e Malik Hairston hanno segnato 11 canestri ma anche loro con errori. I 20 punti, i 28 di valutazione e le 4 stoppate di Madrid sono tutti record carriera per il centro lituano. Le 4 stoppate rappresentano la seconda prestazione di sempre in EuroLeague per un giocatore dell’Olimpia dopo le 5 di Gani Lawal nel 2014 contro l’Olympiacos.

GUDA 2 Arturas Gudaitis è secondo in tutta l’EuroLeague nel tiro da due e dal campo con il 68.7%. Con 4.88 di media è terzo per tiri liberi procurati ma primo davanti a Luka Doncic per tiri liberi procurati per minuto giocato (9.67 ogni 40 minuti in campo). Gli 11 tiri liberi segnati a Mosca sono solo due in meno del record societario che appartiene a Danilo Gallinari con 13 contro il Maccabi nel 2011.

GUDA 3 – Contro l’Olympiacos ha realizzato la prima doppia doppia (19 più 10) della sua carriera in EuroLeague. Sono stati record personale nella stessa gara i 28 di valutazione e i sette rimbalzi d’attacco. Sono otto le gare di EuroLeague in cui non ha commesso errori al tiro. Gudaitis è andato in doppia cifra a rimbalzo per la terza volta nella stagione di EuroLeague contro l’Efes. Il suo primato rimangono gli 11 rimbalzi conquistati a Milano contro il Barcellona.

GUDA 4 – Gudaitis è anche quinto nei rimbalzi totali con 5.96 di media e quinto nella valutazione per minuto giocato dopo Doncic, De Colo, Stimac e Shengelia.

TARCZEWSKI – Contro il CSKA Mosca, Kaleb Tarczewski ha stabilito il suo nuovo primato personale di punti segnati in una gara con 17. Ma sono record personale in EuroLeague anche i 25 di valutazione, le tre stoppate e i tre assist accumulati nella stessa partita. Record anche i sette tiri liberi segnati in una singola partita.

TARCZEWSKI 2 – Tarczewski figura nella Top 10 di EuroLeague in quattro graduatorie statistiche: settimo nei rimbalzi (5.85), decimo nei rimbalzi offensivi (2.15), ottavo nel tiro da due (65.2%), quinto nel tiro dal campo (stesso 65.2%). Tarczewski è l’unico giocatore dell’Olimpia partito in quintetto in tutte le gare di EuroLeague, 26 su 26.

TARCZEWSKI 3 – I sei rimbalzi offensivi di Tarczewski nella gara di Milano contro l’Olympiacos rappresentano la quarta miglior prestazione di un giocatore dell’Olimpia in EuroLeague. Il primato appartiene a Travis Watson dal 2008 (contro Le Mans) con nove. Ne presero sette ancora Watson (contro l’Aris nel 2007) e Mason Rocca (contro il Panionios nel 2008).

ABASS – Abass ha catturato sei rimbalzi contro l’Efes, uno in meno del suo record carriera in EuroLeague che è di sette e risale alla stagione scorsa, nella partita interna contro il Brose Bamberg.

BERTANS – Dairis Bertans vanta almeno una tripla a segno in otto gare consecutive di EuroLeague.

M’BAYE – Amath M’Baye è andato in doppia cifra per la sesta volta in EuroLeague contro l’Efes quando ha segnato 14 punti. Il suo record di punti resta di 16, nella partita di Milano contro il Fenerbahce. Tuttavia quattro di queste prestazioni risalgono al girone di ritorno della competizione in cui è esordiente.

THEODORE – Jordan Theodore contro Malaga ha stabilito il proprio record personale di assist in una gara con 11 (il precedente era 8) realizzando di conseguenza la prima doppia doppia della sua carriera di EuroLeague. Gli 11 assist di Theodore rappresentano la seconda prestazione di un giocatore dell’Olimpia in EuroLeague dopo i 12 di Omar Cook, il 23 febbraio 2012, contro il Panathinaikos. Nessun altro giocatore dell’Olimpia è mai andato in doppia cifra negli assist, ma Kruno Simon, Daniel Hackett, Joe Ragland e Dante Calabria sono arrivati a nove. Theodore ha poi dato via otto assist a Vitoria.

THEODORE 2 – A Valencia, Theodore ha giocato 42 minuti e 06 secondi. Nella storia dell’EuroLeague sono Giacomo Galanda e Massimo Bulleri contro il Maccabi nel 2005 hanno giocato di più in una singola partita con 47:30 minuti.

MICOV – Vlado Micov ha segnato almeno una tripla in 17 delle ultime 18 gare di EuroLeague giocate. La striscia ha raggiunto quota 14 partite consecutive con almeno un canestro da tre punti. A Mosca-Khimki ha stabilito il suo season-high di rimbalzi con 8 (il record carriera è di 9).

CINCIARINI – I 20 di Andrea Cinciarini di valutazione contro la Stella Rossa a Milano sono il suo nuovo record carriera in EuroLeague. Lo sono anche le tre palle rubate nella stessa partita.

KALNIETIS – Mantas Kalnietis ha superato contro il CSKA Mosca i 500 assist in carriera. Ha impiegato 171 partite per superare la barriera. Attualmente in EuroLeague è al numero 23 della classifica di tutti i tempi capeggiata da Dimitri Diamantisis con 1.255. Tra i giocatori in attività in EuroLeague è 12° assoluto.

JERRELLS – I 30 punti segnati da Curtis Jerrells a Valencia sono la terza prestazione realizzativa di un giocatore dell’Olimpia da quando esiste l’EuroLeague. Il record in maglia Olimpia appartiene a Samardo Samuels che fece 36 punti a Nizhny Novgorod nella stagione 2014/15. Luca Vitali ne segnò 32 nella stagione 2008/09 ad Atene contro il Panionios. Tutte le tre prestazioni sono arrivate in coincidenza di altrettante vittorie. Si è trattato anche del record carriera di Jerrells sia in maglia Olimpia che in EuroLeague. In quest’ultima competizione il suo top erano i 27 punti che nella stagione 2012/13 segnò proprio a Bamberg con il Besiktas. In maglia Olimpia il suo top erano i 26 segnati contro Siena in gara 1 della finale scudetto del 2014. Le sei triple messe a segno rappresentano la terza prestazione in singola gara di un giocatore Olimpia dopo le 8 di Linas Kleiza a Turow (2014/15) e le 7 di Luca Vitali ad Atene (2008/09). Sei in EuroLeague le hanno segnate in un’occasione anche Massimo Bulleri (2006, contro il Barcellona), Dante Calabria (2005, contro il Maccabi) e quest’anno Andrew Goudelock (contro Malaga).

JERRELLS 2 – Curtis Jerrells ha stabilito contro Baskonia a Milano il suo nuovo primato personale di assist con sette. È il suo secondo record da quando è tornato a Milano dopo i 30 punti di Valencia.

PASCOLO – I 12 punti di Davide Pascolo a Barcellona sono il suo primato stagionale ma non quello assoluto in EuroLeague che stabilì contro Kazan a Milano nell’ultima gara della stagione scorsa. Sono però primato personale gli otto rimbalzi, i cinque rimbalzi difensivi e i tre rimbalzi d’attacco.