Successiva
Precedente
martedì 5 novembre 2013
Luca Banchi vince il “Reverberi”

Luca Banchi, alla prima stagione all’EA7 Emporio Armani Milano, è stato scelto come vincitore del “Premio Reverberi”. Il tecnico di Grosseto, 48 anni, vincitore di uno scudetto e una Coppa Italia da capoallenatore, può aggiungere un altro titolo alla sua collana di vittorie. In carriera Banchi vanta anche tre titoli juniores a Livorno e sei scudetti da assistente allenatore a Siena.

Sono stati resi noti i vincitori della ventottesima edizione del “Premio Reverberi”, la manifestazione promossa dall’Amministrazione comunale di Quattro Castella (RE). I Premi Reverberi per la stagione 2012-2013 sono stati assegnati ad Andrea Cinciarini (Miglior giocatore), Kathrin Ress (Miglior giocatrice),  Roberto Begnis (Miglior arbitro), Gaetano Laguardia (Premio alla carriera), Anna Cremascoli (Premio al Personaggio), Luigi Brugnaro (Premio speciale per il contributo fornito al basket italiano) e Alberto Pancrazi (Premio miglior giornalista). La settima edizione del Premio speciale ‘Giacomo Piccinini’, per un personaggio o una società particolarmente distintisi nella provincia di Reggio Emilia, è stato assegnato a Simone Cervi, mentre un altro Premio speciale è stato assegnato alla società Nazareno Basket di Carpi. Quale miglior allenatore invece è stato scelto il coach dell’Olimpia Milano, Luca Banchi.

Per tutti l’appuntamento è già fissato a Quattro Castella il 10 febbraio 2014 quando avrà luogo la cerimonia ufficiale di consegna dei premi.

Istituita nel 1985 in onore e ricordo del grande arbitro reggiano Pietro Reverberi, recentemente inserito nella Hall of Fame del basket mondiale come uno dei migliori arbitri di tutti i tempi, la manifestazione ha saputo negli anni rinnovarsi diventando un punto di riferimento per atleti, dirigenti, arbitri e semplici appassionati della ‘palla a spicchi’: un momento importante per una rivisitazione della storia del basket, dei suoi personaggi, dei suoi miti e di quei valori umani che da sempre il basket riesce a trasmettere ai suoi tifosi. La presenza tra i premiati dei campioni di un tempo, insieme agli atleti che ancora oggi vanno a canestro, è una caratteristica peculiare del ‘Premio Reverberi’ che ne ha determinato il successo come manifestazione sia in termini di presenza di pubblico, che come riscontro su mass media e riviste specializzate. L’iniziativa, grazie alla collaborazione della Federazione internazionale, è riconosciuta come l’unica manifestazione in Italia che premia tutte le categoria operanti nel mondo del basket, dagli arbitri ai dirigenti passando per giocatori, giocatrici, allenatori e giornalisti