benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

Laureus e Olimpia tornano insieme per aderire al programma “One Team”

15/10/2019
TUTTE LE NEWS »

Dopo il successo della passata edizione, Fondazione Laureus Italia Onlus aderisce anche quest’anno all’iniziativa One Team, promossa da EuroLeague, la massima competizione di pallacanestro europea, il cui scopo è promuovere l’impegno sociale dei club che vi partecipano.

Allo stesso tempo Olimpia Milano, il club più titolato del campionato italiano, rinnova il suo impegno con la Fondazione Laureus per intraprendere un progetto che,  dal 15 ottobre, coinvolge alcuni studenti della Scuola Primaria Baroni del quartiere Gratosoglio di Milano.

Il progetto sviluppato da Laureus Italia si avvale del supporto di una psicologa dello sport in qualità di tutor e il cui compito è affiancare il coach One Team-Olimpia durante una serie di allenamenti in programma tra ottobre e gennaio. Le finalità sono molteplici e investono sia la sfera prettamente emotiva e psicologica che quella fisica.  Laureus cerca infatti di educare i bambini al rispetto delle regole, alla comunicazione tra pari e con l’adulto di riferimento affinché possano acquisire delle competenze sia da un punto di vista emotivo, psicologico e motorio.

Ad accompagnare i bambini in alcuni allenamenti, due padrini d’eccezione: Amedeo Della Valle e Riccardo Moraschini, giocatori dell’Olimpia e della Nazionale, che seguiranno da vicino due allenamenti. Inoltre i 22 studenti della 4ª C, di età compresa tra i 9 e i 10 anni, avranno l’opportunità di partecipare il 19 dicembre alla partita di EuroLeague tra Olimpia e Valencia.

Così commenta Christos Stavropoulos, general manager del club: “L’Olimpia Milano è entusiasta di collaborare, anche quest’anno con Fondazione Laureus Italia, con la quale condivide l’idea che lo sport sia fondamentale nella crescita e nello sviluppo di ogni bambino. Rinnovando la collaborazione con Laureus vogliamo alimentare la loro passione in modo che la pallacanestro e la maglia dell’Olimpia Milano diventino un modo per poter sognare”.