benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

La Mini Olimpia collabora al “Racconto dei Bambini” realizzato dalla FIP

16/01/2021
TUTTE LE NEWS »

Nell’attesa di poter tornare a calcare i campi da gioco, ma anche solo di ritrovarsi a giocare insieme in qualsiasi ambiente che lo permetta, il Settore Minibasket della Federazione Italiana Pallacanestro ha lanciato l’idea di far raccontare ai bambini il “loro” Minibasket, raccogliendo poi tutti i contributi in un libro.  A tutte le società d’Italia è stato chiesto di realizzare un elaborato che descrivesse l’amore per il basket attraverso un momento di condivisione in campo o in palestra, attraverso un gioco inventato o ancora una trasferta rimasta nei ricordi della squadra, o semplicemente un sorriso che ha investito tutto il gruppo.

Ora il libro dal titolo “Giocare a Minibasket – Il racconto dei bambini” è stato completato: è online sul sito www.fip.it/minibasket ed è una raccolta di quasi 200 pagine piene di speranza. Anche la nostra società con i suoi tre gruppi minibasket di MiniOlimpia ha contribuito, chiedendo ai bambini di raccontare tre momenti distinti del nostro minibasket.

I piccoli atleti hanno dovuto scavare nei loro ricordi e pensare alla prima volta che hanno indossato la maglia di MiniOlimpia, al primo allenamento che hanno fatto e al ricordo più piacevole in un momento di partita o di torneo. C’è chi al primo incontro con questa nuova realtà ha provato grande contentezza, così come chi ha confessato di essere molto spaventato; chi si sarebbe impegnato (giustamente) comunque fossero andate le cose e chi era determinato con tutte le forze a mostrare il meglio di sé stesso.

Anche al primo allenamento le cose non sono andate diversamente, ma in quel caso è stato più facile perché i compagni di squadra hanno alleggerito il carico emotivo che è normale avere in un primo allenamento.

Poi è stata raccontata la prima esperienza di un torneo lontano da casa, esperienza assolutamente indimenticabile; per alcuni è stata la prima occasione fuori casa e lontano dai propri genitori, per altri la possibilità di fare nuove conoscenze che diventano sempre amicizie, per altri ancora il piacere di condividere momenti diversi dalla normale attività, come una cena tutti quanti insieme.

Tanta è l’emozione che si prova nel leggere le parole che hanno descritto i momenti significativi che ciascun bambino ha vissuto, e più che mai in questo momento questo racconto ci dà la speranza e la spinta di progettare un futuro a misura per ciascuno di loro.