Successiva
Precedente
giovedì 19 settembre 2013
I rimbalzi premiano il Galatasaray: 74-66

Al primo test di livello Eurolega, contro un Galatasaray con qualche assenza (Domercant, Markoishvili e Jawai) ma dotatissimo sotto canestro, l’Olimpia tiene, gioca bene a tratti, va ad alti e bassi al tiro ma deve arrendersi alla superiorità fisica e centimetrica dei lunghi turchi. Soprattutto Furkan Aldemir, che domina sotto il tabellone offensivo, ma anche Erceg che ha la doppia dimensione. L’Olimpia non è sorretta dalle percentuali di tiro, cerca di restare in partita con la difesa, forzando tante palle perse ma a rimbalzo non può competere. David Moss gioca un grande secondo tempo, Keith Langford va meglio nel primo come Curtis Jerrells, se la cavano i lunghi, Kangur trova ritmo al tiro solo alla distanza. Ma alla fine l’Olimpia deve fare a meno di troppi lunghi, Samardo Samuels, CJ Wallace, Angelo Gigli, tutti in panchina ma non ancora in grado di giocare, a parte Nicolò Melli e Alessandro Gentile.

LA PARTITA - Coach Banchi parte con Cerella in quintetto da ala piccola e Moss dalla panchina. David Chiotti segna i primi quattro punti dell’Olimpia che controlla la prima metà del quarto quando prende possesso dell’area Furkan Aldemir. Il centro del Galatasaray segna 9 punti sfruttando la sua superiorità fisica. Così si apre il campo per gli esterni. Segnano da tre Akyol, Erceg e Arroyo. Il Galatasaray vola 20-13 alla fine del primo, grazie anche all’improvviso black-out offensivo dell’Olimpia. In avvio di secondo quarto, c’è la rimonta EA7 firmata da due triple consecutive di Jerrells e Haynes. In transizione, Kangur sbaglia la tripla del sorpasso e il Galatasaray risponde allungando di nuovo sul 31-25. Un lungo “due” di Mescheriakov è seguito da un 6-0 per i turchi con il tiro da tre che non entra mai (Moss e Kangur insieme 0/7 eppure erano buoni tiri). Sul 37-27 per il Galatasaray, segna due volte Chiotti e poi allo scadere un missile da tre punti di Keith Langford che ricuce a meno sette, sul 41-34 ma dopo aver sofferto tantissimo contro la taglia fisica di Dudley ma soprattutto di Aldemir.

David Moss debutta nel terzo quarto con la tripla del meno 4, si ripete poco dopo ma la forza fisica permette al Galatasaray di controllare ancora la partita, nonostante la prova coraggiosa di Chiotti. Moss gioca un periodo straordinario, con 13 punti e 5/6 al tiro. Kyle Barone ruba palla a metà campo dopo un grande possesso difensivo e va a schiacciare il nuovo meno quattro, 55-51. Due triple consecutive di Kangur impediscono la fuga al Galatasaray che avviene solo negli ultimi tre minuti quando Kangur esce per falli e la coppia Barone-Chiotti non regge più l’urto di Aldemir sotto canestro e la combinazione di tiro e stazza di Zoran Erceg.

IL TABELLINO - EA7 Emporio Armani-Galatasaray 66-74. Milano: Jerrells 6 (0/2, 2/3), Langford 8 (2/5, 1/3), Cerella (0/1), Kangur 7 (2/7 da 3), Chiotti 10 (4/6), Barone 13 (5/5), Haynes 3 (0/3, 1/3), Moss 15 (3/6, 3/7), Mescheriakov 5 (2/2). Galatasaray: Gordon 7, Erceg 14, Akyol 6, Aldemir 22, Arroyo 8, Macvan 2, Dudley 4, Guler 3, Kuksal 8.