Successiva
Precedente
mercoledì 17 ottobre 2012
EA7 verso l’assalto a Zagabria

Si avvicina l’ora della seconda gara di Eurolega della stagione. L’Olimpia parte domani per Zagabria, dove venerdì, alle 18.30 in diretta tv su Sportitalia, affronterà il Cedevita. Per sapere tutto sulla partita, curiosità del momento incluse clicca qui: game notes Cedevita-EA7

CEDEVITA, UNA STORIA GIOVANE E DI SUCCESSO

Fondata appena nel 1991, il Cedevita Zagabria è balzato nel massimo campionato croato nel 2002. Lo scorso anno ha raggiunto la finale della Lega Adriatica perdendo contro il Maccabi Tel Aviv di Keith Langford e Richard Hendrix. Langford fu Mvp delle Final Four. Nella lega croata, il Cedevita giunse di nuovo in finale perdendo però contro il Cibona, ma in quel momento aveva già vinto la Coppa di Croazia, prima vittoria nella storia del club, battendo in finale il KK Zagreb con 27 punti di Matjaz Smodis, conosciuto al pubblico italiano per la sua milizia nelle due squadre di Bologna. Il Cedevita è alla prima partecipazione di sempre in Eurolega, ma due anni fa arrivò alle Final Four di Eurocup, a Treviso, perdendo solo in semifinale contro l’Unics Kazan.

Il Cedevita partecipa normalmente alla Lega Adriatica dove ha collezionato la prima sconfitta stagionale per mano di Spalato, 74-71 in una gara in cui Luksa Andric ha segnato 20 punti e Bracey Writght 14 con 7 rimbalzi. Nell’ultimo turno ha giocato contro la Stella Rossa vincendo 68-66 e adesso in classifica è seconda con un bilancio di 3-1. Top scorer Predrag Suput con 18 punti.

CEDEVITA-EUROLEGA: IL DEBUTTO

Il debutto in Eurolega del Cedevita è stato durissimo, a Kaunas davanti a 15.000 spettatori. La squadra di Maljkovic ha perso 90-62 contro lo Zalgiris. Il miglior realizzatore è stato Mickael Gelebale con 16 punti, poi 15 di Bracey Wright. 4 assist ma 0/6 al tiro e nessun punto segnato per Marques Green.

CEDEVITA: THE ITALIAN CONNECTION

Tre giocatori del Cedevita hanno giocato nel campionato italiano, due di essi a lungo. Il playmaker Marques Green è stato per tre stagioni, frazionate in due momenti ad Avellino, vincendo tra l’altro la Coppa Italia del 2008 a Bologna con trofeo di Mvp annesso. In mezzo ha giocato anche un anno a Pesaro portando la squadra marchigiana alle Final Four di Eurochallenge. Vlado Ilievski, playmaker macedone, ha giocato a Roma, a Bologna e Siena. Ha raggiunto la finale scudetto nel 2007 con la Virtus e nel 2008 con la Montepaschi vincendola. Quell’anno giocò anche le Final Four di Eurolega. Infine Goran Suton, croato cresciuto in American, a East Lansing High School e poi Michigan State (curiosamente stesso percorso di Magic Johnson) prima di tornare in Europa. Suton ha giocato a Biella due stagioni fa.

MALJKOVIC, IL VINCENTE

Al primo anno alla guida del Cedevita Zagabria, Bozidar Maljkovic è stato uno degli allenatori più vincenti in Europa negli ultimi 20 anni. Con la Jugoplastika Spalato vinse l’Eurolega nel 1989 e nel 1990, lasciando poi la squadra a Zeljko Pavlicevic che vinse ancora battendolo quando guidava il Barcellona. Dopo i due titoli europei con Spalato, ne ha vinto un altro a Limoges battendo in finale la Benetton Treviso nella quale giocava Toni Kukoc, che lui aveva lanciato a Spalato. Infine nel 1996 ha vinto l’Eurolega con il Panathinaikos Atene di Dominique Wilkins. In tutto ha vinto sei campionati nazionali, tre nell’ex Jugoslavia, due in Francia e uno in Spagna con il Real Madrid. E ha giocato con sei squadre diverse la finale di una lega nazionale come Bogdan Tanjevic e Neven Spahija. Solo Sergio Scariolo con sette ha fatto meglio.

COOK VS. GREEN, L’ARTE DELL’ASSIST

Marques Green e Omar Cook sono due dei più grandi passatori presenti nel basket europeo. Lo scorso anno per la prima volta hanno giocato nella stessa lega. Green ad Avellino ha vinto la classifica degli assist con 6.5 a partita ma in 37.2 minuti di utilizzo medio. Cook ha finito quarto con 5.1 ma in 28.6 minuti. Per cui nella classifica assist al minuto, Cook ha preceduto Green sia pure di pochissimo. Per il Capitano dell’Olimpia si sarebbe trattato di 7.1 assist ogni 40 minuti in campo, per Green 7.0 sempre ogni 40 minuti.

ASSIST: IL RECORD DI MALIK HAIRSTON

Al debutto stagionale contro l’Efes Istanbul, Malik Hairston ha realizzato il suo massimo in carriera negli assist con 8. Lui e Omar Cook in coppia ne hanno dati via 15. E’ significativo che nelle due stagioni precedenti di Eurolega, Hairston aveva distribuito in totale 34 assist in 28 partite ovvero 1.2 di media. Lo scorso anno ebbe 18 assist totali. Una curiosità: il suo record precedente era di 6 e venne stabilito sempre lo scorso anno al debutto contro il Maccabi.

LA GRANDE NOTTE DI BOUROUSIS

I 23 punti di Ioannis Bourousis contro l’Efes non sono il suo primato in Eurolega che resta di 26 (nel 2006 con l’AEK Atene contro la Benetton Treviso) ma sono il massimo da quando gioca nell’Olimpia Milano. In Eurolega non aveva mai segnato più di 13 punti in una gara (tre volte) in maglia Olimpia. Bourousis ha fatto 6/8 da due, 2/2 da tre e catturato anche 7 rimbalzi.

LA NOTTE DELLE TRIPLE

Contro l’Efes, l’EA7 ha segnato 15 canestri da tre punti ma il dato più eclatante non è nella precisione (15/28, 53.6%) quanto nel fatto che nove giocatori differenti hanno segnato almeno una tripla. Dei 10 entrati solo Richard Hendrix non ha segnato mai da tre. Nella prima giornata due squadre, Olympiacos e Zalgiris, sono state ancora più precise dell’EA7 ma nessuno ha segnato un numero superiore di triple.

FOTSIS, IL VINCENTE

Antonis Fotsis ha vinto l’Eurolega tre volte, sempre con il Panathinaikos, nel 2000, nel 2009 e nel 2011. A livello internazionale nessun giocatore dell’Olimpia ha vinto più di Antonis, capace di conquistare l’Uleb Cup del 2006 con la Dynamo Mosca. Con cui ha stabilito i suoi primati personali in Eurolega di punti (28 contro l’Aris Salonicco) e rimbalzi (24 contro la Benetton).

I GRECI TIRANO MEGLIO? - Non hanno in comune solo la nazionalità greca. Fotsis e Ioannis Bourousis hanno anche vinto tutti e due la classifica di Eurolega della percentuale di tiro da due punti. Fotsis lo fece nel 201=0/11, Bourousis nel 2006/07 quando giocava nell’Olympiacos.

IL RIMBALZISTA - Ioannis Bourousis ha vinto nel 2008/09 la classifica dei rimbalzi di Eurolega con 7.36 di media. Nello stesso anno fu primo nei rimbalzi difensivi con 5.14. Il centro greco dell’Olimpia all’epoca militava nell’Olympiacos Pireo.

OMAR L’ALTRUISTA - Omar Cook lo scorso anno ha guidato le Top 16 di Eurolega in assist e nel rapporto assist/palle perse. Cook dopo i 7 assist dati contro l’Efes è a meno 9 dai 400 in carriera ed ha un passo che gli consentirebbe di entrare tra i Top 10 di sempre entro la fine della stagione.

IL RECORD DI KEITH – Il record personale di punti segnati in una gara di Eurolega. Keith Langford l’ha stabilito giocando nel Khimki per Sergio Scariolo. Segnò 35 punti contro lo Zalgiris Kaunas il 23 dicembre 2010. In quella gara ebbe anche 8 rimbalzi, anch’esso record personale. Langford ha anche segnato in doppia cifra in 12 delle sue ultime 13 gare di Eurolega.

LA STRISCIA DEL BASO – Gianluca Basile ha segnato un canestro da tre in 14 consecutive partite di Eurolega.

BOUROUSIS VERSO I 100 – Ioannis Bourousis ha raggiunto quota 100 recuperi in carriera.

E ANCHE COOK…Cook è distante 4 canestri da tre punti dai 100 in carriera.

.