benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

Contro Sassari, è un’Olimpia spettacolare: 116-93

04/03/2018
TUTTE LE NEWS »

Per la prima volta in campionato l’Olimpia scollina oltre i 100 punti, toccati in due occasioni in EuroLeague, gioca una gara offensivamente spettacolare con sei uomini in doppia cifra e annichilisce Sassari ripartendo punti, minuti, responsabilità su tutti i giocatori. Finisce 116-93 e alla fine c’è spazio anche per il baby Giordano Bortolani, mentre i 116 punti sono nettamente primato stagionale.

IL PRIMO TEMPO – Kaleb Tarczewski aggredisce la partita, segnando sette punti in meno di tre minuti, con due rimbalzi d’attacco e un gioco da tre punti completato che costringe Coach Pasquini ad usare prima del previsto la stazza fisica di Darko Planinic. Ma quando chiama il primo time-out, Milano è già avanti 10-1 inclusa una tripla di Kuzminskas. Il parziale tocca il 14-1 e per cinque minuti Sassari segna solo dalla lunetta, con Micov che brucia subito tre falli. Un gioco da tre di Bostic, con secondo fallo di Tarczewski incluso, rimette in partita Sassari. La Dinamo torna a meno sette, poi cinque punti consecutivi di Kuzminskas e una tripla di Jerrells contro la zona permettono a Milano di allungare ancora ma alla fine del primo periodo, con nove punti di Bostic, è 32-23 per l’Olimpia. Sassari attacca il secondo quarto con tre triple di fila interrotte solo da un canestro dalla media di Jerrells. Due sono di Tavernari ma quella di William Hatcher ricuce lo strappo a due punti obbligando Coach Pianigiani al time-out. Un gioco da tre di Josh Bostic firma il sorpasso di Sassari, annullato subito dalla tripla di Bertans e poi da un gioco da tre punti di Jerrells. La Dinamo pareggia due volte ancora, sfruttando il bonus, i tre falli fischiati anche a Tarczewski e Bertans e utilizzando Bostic (14 nel primo tempo) in post basso. Poi Goudelock firma un gioco da tre punti e una tripla in transizione. Giocando con i tre piccoli l’Olimpia esplode ancora a più nove su una tripla di Jerrells. Anche dopo il time-out di Pasquini, l’Olimpia insiste, schizzando a più 13 dopo due liberi di Jerrells e un’altra tripla da lontanissimo di Goudelock. Gudaitis chiude il tempo con un’entrata così all’intervallo è massimo vantaggio Milano, 60-45, con tre uomini già in doppia cifra.

IL SECONDO TEMPO – Gudaitis dalla lunetta scava subito il massimo vantaggio di 17 punti, poi di venti, mettendo sei tiri liberi su sei, un canestro in entrata e dominando i tabelloni e anche Planinic. Qui Sassari trova qualcosa dal suo cannoniere Scott Bamforth, tenuto a zero nel primo tempo, torna a meno 17, ma Gudaitis si esibisce in un clamoroso coast-to-coast completando otto minuti spettacolari per l’84-62. Ma l’Olimpia non si ferma, con gli assist di Cinciarini e due triple di Micov per il 91-64 che chiude il terzo periodo. Nel quarto, l’Olimpia controlla la gara, Pianigiani distribusice i minuti e la gara scorre via tranquilla, 116-93.

CURTIS JERRELLS
ANDREW GOUDELOCK
MINDAUGAS KUZMINSKAS