Successiva
Precedente
lunedì 7 gennaio 2013
Coach Scariolo dopo Cantù

Così coach Sergio Scariolo dopo la gara con Cantù: “Loro hanno giocato una grande partita, si vede che attraversano un periodo di forma eccellente, si vede da come hanno messo tiri difficili, senza ritmo, alla fine del possesso, da molto lontano, con la mano del difensore addosso, sono tiri che dimostrano come abbiano fiducia… Complimenti soprattutto ad Aradori perché è stato assolutamente decisivo con situazioni di isolamento che ha concluso da solo: per mettere quei tiri bisogna avere classe e sangue freddo. Da parte nostra direi che in generale è stata una partita molto equilibrata in cui spesso costruivamo situazioni di vantaggio per perderle poi in maniera banale, denunciando tensione. Mi sembra che al di là dell’esecuzione dei tiri o delle palle perse banali abbiamo fatto una buona partita offensiva, in difesa invece siamo stati ancora altalenanti, abbiamo avuto momenti buoni, di aggressività soprattutto quando potevamo giocare con quintetti più piccoli e atletici e momenti meno buoni quando abbiamo cercato di mantenere in campo i nostri lunghi… I nostri giocatori usciti dalla panchina in generale hanno dato un buon contributo e questo è importante perché abbiamo giocatori fuori, giocatori acciaccati… Marques Green, pur con i limiti di condizione e di conoscenza dei compagni, ha fatto un esordio che ci fa ben sperare che possa crescere e darci quelle situazioni anche facili di contropiede che potrebbero permetterci di fare qualche canestro facile, l’aggressività difensiva di cui abbiamo bisogno… Se riuscissimo a fare tre-quattro buoni possessi difensivi in più e prendere tre-quattro rimbalzi sicuri in più poi potremmo fare quei contropiedi che ci darebbero 8-10 punti in più a partita. Questo farebbe la differenza nelle prossime partite”.

Sul futuro della squadra: “Basta vedere il plus-minus dei singoli giocatori per capire quali sono le situazioni sulle quali dobbiamo lavorare. Sono convinto che l’ulteriore aggiustamento che dobbiamo fare sotto canestro aggiungendo un giocatore che ci possa dare allo stesso tempo la capacità di difendere il pick and roll in maniera dinamica e pericolosità in attacco, anche se David Chiotti oggi ha fatto un ottimo lavoro… L’aspetto  che dobbiamo  aggiungere è un giocatore di pick and roll forte, veloce ad andare dentro, un giocatore di pick and roll che con Marques Green ci darà miglioramenti importanti. Green aveva un allenamento e mezzo nelle gambe, giocavamo contro una squadra forte come Cantù, non vedo passi indietro. In difesa nell’uno contro uno dipendiamo dallo sforzo individuale, mentre le debolezze strutturali vanno mascherate, oggi l’abbiamo fatto con la zona e non è andata male, però onestamente credo che la soluzione sia quella  di difendere aggressivamente come abbiamo fatto per molti minuti con determinati quintetti”.