benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

AJP Summer Camp: il racconto di una famiglia fedelissima

27/04/2018
TUTTE LE NEWS »

La settima edizione dell’AJP Summer Camp di Predazzo, l’esperienza estiva targata Olimpia Milano, si avvicina a grandi passi. L’obiettivo del camp è permettere a tutti i partecipanti di vivere un’esperienza indimenticabile, come quella che una famiglia “fedelissima” del nostro camp, ha sperimentato per anni. Ecco perché abbiamo chiesto alla nostra amica Claudia e ai suoi figli di raccontarci cosa significa e cos’è per loro l’AJP Summer Camp.

Claudia, la vostra famiglia ha sposato il progetto dell’AJP Summer Camp fin dalla sua prima edizione. Come genitore cosa l’ha convinta inizialmente e cosa continua a convincerla ad affidare i suoi figli alla nostra organizzazione?

“Ci siamo affidati all’istinto…  Per mio figlio Gianluca il primo anno è stato decisamente una scommessa. Aveva nove anni e per lui si trattava della prima esperienza da solo, fuori casa. Ci siamo affidati al vostro Team per la proposta delle attività e per l’attenta organizzazione. Non siamo rimasti delusi, soprattutto per le competenze e il rapporto che viene instaurato ogni stagione con i ragazzi. Adesso, la settimana da trascorrere al Camp AJP è per i miei figli una tappa fissa a cui non vogliono rinunciare”.

Gianluca, hai partecipato fin dalla prima edizione, questa è la tua settima esperienza al camp. Quali sono i tuoi ricordi più belli?

“I miei ricordi più belli risalgono al primo anno del camp quando ho conosciuto il mio allenatore Dario. Ero molto piccolo ma ricordo ancora che proprio grazie a lui, ai suoi insegmaneti, ho preso sul serio questo sport che pratico tuttora. Mi piace partecipare anche per il rapporto che si crea tra noi ragazzi e il team che ci fa lavorare sodo e allo stesso tempo non dimentica di farci divertire. Ma senza Dario molte cose non le avrei imparate”.

Giulia, negli ultimi anni la presenza femminile al camp sta crescendo di numero. Cosa ti aspetti quest’anno dal camp?

“Tante ragazze praticano il basket e molte di noi sono anche brave! Al camp mi aspetto di ritrovare le mie amiche e credo che vedrò più ragazze rispetto all’anno scorso. O almeno lo spero perché sarebbe molto stimolante potermi confrontare con loro, divertirmi e migliorare”.