benvenuto nel sito ufficiale olimpiamilano.com

Inside Olimpia: ecco come ci si prepara ad una partita

02/12/2018
TUTTE LE NEWS »

Il lavoro al video è una parte fondamentale della giornata di ogni staff tecnico che si rispetti. L’Olimpia non solo non è un’eccezione ma è uno dei club all’avanguardia d’Europa nella video analisi della propria attività. Mario Fioretti è considerato un guru a livello europeo e a suo tempo fu chiamato dallo stesso Simone Pianigiani nello staff della Nazionale italiana. Per gestire la mole di informazioni “visive” non solo in partita ma anche in allenamento, oggi sono impiegati accanto al capo allenatore cinque allenatori, incluso il primo assistente Massimo Cancellieri e Andrea Turchetto. Marco Esposito è il responsabile di questa parte del lavoro di staff assieme a Stefano Bizzozero.

Il video viene utilizzato in due direzioni, per valutare la squadra e il suo comportamento (da quest’anno in allenamento con l’ausilio del sistema “PlaySight”, otto telecamere che registrano tutto da ogni angolazione della palestra memorizzandolo per consentire addirittura un’analisi in tempo reale delle situazioni) e per studiare gli avversari e le loro tendenze, sia individuali che di squadra. Il concetto base è che “vedere” permette di ricordare le informazioni somministrate e sulla scorta di queste si va in campo per “imparare”, prendere coscienza delle situazioni, chiarire quelle che generare incertezze. (vedi video sopra)

Lo studio degli avversari parte dall’analisi delle quattro partite precedenti. Queste vengono analizzate creando indici ed etichette che consentono di “inquadrare” lo stile di gioco avversario, la frequenza con cui vengono utilizzate determinate soluzioni (ad esempio in che percentuale viene eseguito il pick and roll, in che percentuale producono punti in contropiede?). Ogni giocatore è vivisezionato per caratteristiche. Il prodotto finale è la conoscenza profonda dell’avversario e la genesi di un piano partita che viene illustrato ai giocatori, in modo sintetizzato ma completo, sia durante gli allenamenti che nei meeting di squadra utilizzando montaggi video ridotti che hanno come obiettivo quello di rendere i concetti chiari e soprattutto ricordabili.

Quando arriva il giorno della partita e ancora di più negli ultimi 90 minuti che precedono la palla a due, ogni giocatore segue una propria routine. Ma anche la squadra ha un suo programma che adatta in base alle esigenze ma presenta tratti sempre uguali. L’Olimpia generalmente svolge un allenamento leggero alla mattina, il cui orario per una gara serale è quello delle 11 (fino alle 12.15 circa) ma può variare in trasferta dove la scelta dell’ora spetta alla squadra di casa. In quei 60-75 minuti è compresa l’attivazione muscolare, poi il ripasso del piano gara (il cosiddetto walk-through) con gli stessi concetti che vengono presentati ai giocatori nei giorni precedenti sul campo, in sala video e di nuovo nella riunione prepartita, spesso successiva a questa seduta, altre volte spostata in avanti, prima della partenza per l’arena. Il walk-through finisce con circa 20 minuti di tiri a gruppi, con cambio di canestro dopo 10 minuti. Il pomeriggio della partita prevede il classico riposo rigenerante, uno snack circa tre ore prima della partita e l’arrivo in spogliatoio a un’ora e mezzo dall’inizio. Qui ogni giocatore segue le proprie abitudini. C’è chi tira molto, seguendo un proprio programma, altri tirano poco, alcuni vanno in sala pesi e altri ancora fanno stretching o si scaldano sul campo. Il momento in cui si torna ad essere una squadra è a circa 40 minuti quando tutti rientrano in spogliatoio. A quel punto preparatori e fisioterapisti preparano la squadra, a 35 minuti lo staff tecnico tiene il classico discorso prepartita con le ultime raccomandazioni tattiche. A 30 minuti si va in campo per il riscaldamento: ruota, stretching, scivolamenti difensivi, tiri e ancora ruota prima del via.

L'IMMEDIATO PREPARTITA
ALLENAMENTO IN PALESTRA: VLADO MICOV
ALLENAMENTO IN CAMPO: IL GRUPPO